Lecce, rapina, estorsione e possesso di materiale pedopornografico: arrestate quattro persone

Ci sarebbe anche una quarta persona insieme ai tre fermati a maggio con l’accusa di rapina pluriaggravata ed estorsione in concorso. Ai nomi dei gemelli 29enni di Brindisi (Luca Colucci e Diego Colucci) e a quello di Gabriele Desiato, 28enne di Campi Salentina, si somma ora il fratello, Vincenzo Desiato, di 37 anni. Oltre alle accuse in concorso, nei suoi confronti è stata mossa anche quella di detenzione di materiale pedopornografico. I carabinieri della stazione di Lecce Santa Rosa, supportati dai colleghi delle compagnie di Lecce, Campi Salentina e Brindisi, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Lecce. Il provvedimento è scattato a seguito delle indagini condotte dai militari della stazione di Santa Rosa, all’indomani dell’esecuzione della precedente misura, disposta lo scorso 27 maggio.

Secondo l’impostazione accusatoria, gli indagati avrebbero effettuato, nella provincia di Lecce e Brindisi, cinque rapine e due estorsioni ai danni di cittadini che, a bordo delle proprie autovetture e in attesa di incontri occasionali organizzati, venivano pedinati, seguiti e poi obbligati a fermarsi. Sotto minaccia le vittime venivano costrette a consegnare denaro contante e indotte a prelevarne altro presso il più vicino sportello bancomat. Le azioni, poi, venivano riprese dai complici che, vantandosi, commentavano le proprie performance tramite applicazioni di messaggistica.

Attraverso un’attività info-investigativa condotta dai militari, suffragata dall’ascolto dei testimoni, è stato possibile così ricostruire le varie dinamiche e quindi individuare i presunti responsabili. Al termine delle operazioni di polizia, sono stati condotti nel carcere di Lecce.