Cade dalla moto e muore a 17 anni, emersi dal sopralluogo “marcati dislivelli”

Il tratto di strada in cui è avvenuto l’incidente in cui è morto il motociclista 17enne Matteo Cappelluti presenta, a causa dei lavori compiuti recentemente, diversi dislivelli di circa 3,6 centimetri di media e imperfezioni molto marcate. E’ quanto sarebbe emerso dal sopralluogo sul tratto di corso Alcide de Gasperi, sottoposto a sequestro, in cui il giovane motociclista, giovedì scorso, ha perso il controllo della sua moto mentre andava a scuola ed è finito contro un palo. Il diciassettenne è morto il giorno dopo in ospedale. Il sopralluogo si è svolto alla presenza della pm Luisiana Di Vittorio, che coordina le indagini, di due consulenti nominati dalla Procura e di consulenti e legali della famiglia della vittima e degli indagati per omicidio stradale: i direttori dei lavori delle imprese per conto di Acquedotto pugliese ed Enel. Su richiesta della famiglia Cappelluti, potrebbe svolgersi un ulteriore esame attraverso la tecnologia Laser Scanner. La decisione verrà presa dalla pm, che nei prossimi giorni procederà al dissequestro dell’area. Indipendentemente dall’ulteriore accertamento sul manto stradale, le parti si ritroveranno nei prossimi giorni per visionare ed esaminare la moto del 17enne, ancora sotto sequestro. Da quanto emerso, le telecamere della stazione di servizio davanti alla quale è avvenuto l’incidente non erano attive.