Operazioni delle Fiamme Gialle svelano 27 lavoratori “in nero” a Taranto e provincia

L’attività di controllo si estende a diversi settori commerciali e richiede l’intervento dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro per sospensione di alcune imprese

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Taranto hanno intensificato negli ultimi tempi le operazioni di vigilanza e controllo economico del territorio. Il bilancio delle ispezioni eseguite è grave: 27 lavoratori “in nero” e 1 “irregolare” sono stati individuati in vari esercizi commerciali distribuiti nei comuni di Taranto, Manduria, Avetrana, Maruggio, Torricella, Martina Franca, Castellaneta e Palagianello.

Le violazioni sono state riscontrate da diverse unità delle Fiamme Gialle, inclusi i Finanzieri delle Compagnie di Manduria e di Martina Franca, oltre alla Tenenza di Castellaneta. Gli esercizi commerciali coinvolti spaziano da imprese edili a ristoranti, bar, pescherie, panifici e macellerie. Il fenomeno del lavoro “in nero” mostra dunque una diffusione trasversale in vari settori dell’economia locale.

Sul fronte delle sanzioni, 13 datori di lavoro sono stati verbalizzati per utilizzo di manodopera “in nero” o irregolare. In quattro casi, è stato chiesto all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di emettere un provvedimento di sospensione dell’attività dell’impresa.