Donna carbonizzata a San Michele Salentino: figlio indagato per omicidio volontario

E’ indagato per omicidio volontario il 47enne figlio della donna di 71 anni il cui corpo è stato ritrovato carbonizzato all’interno di un’abitazione di campagna a San Michele Salentino, in provincia di Brindisi. A scoprire il corpo i vigili del fuoco, intervenuti per domare un incendio.

L’uomo è stato interrogato dal pm della Procura di Brindisi, ma non ha risposto a nessuna delle domande, poi è stato portato in ospedale dopo aver accusato un malore. L’appartamento in cui è stato ritrovato il corpo dell’anziana donna era di proprietà del figlio. Era stata lei ad andare a trovarlo nonostante il 47enne fosse già stato emesso un divieto di avvicinamento alla propria madre.

Sconvolta la comunità di San Michele Salentino, comune del Brindisino di appena 6mila abitanti.

Il sindaco di San Michele Salentino. Giovanni Allegrini, ha affidato a una nota le proprie parole di cordoglio: “La notizia della morte di una nostra concittadina ha sconvolto l’intera comunità di San Michele Salentino. A nome dell’amministrazione comunale esprimo un sincero e profondo cordoglio a tutta la sua famiglia che sta vivendo un momento drammatico”.