Presunte molestie in Regione Basilicata, si dimette dg della Sanità

Il governatore Bardi: “Si chiude una vicenda delicata”

Prendo atto delle dimissioni da parte dell’Ing. Francesco Bortolan quale Direttore Generale alla Salute e alle politiche della persona. Si tratta di un gesto che chiude una vicenda delicata. I principi di etica ed estetica pubblica, da me più volte richiamati, sono stati ancora una volta declinati”.

Così il presidente della Regine Basilicata, Vito Bardi ha annunciato in una nota le dimissioni del Vicentino Bortolan, che era alla guida del dipartimento salute dallo scorso novembre.

Il dimissionario Dg nell’ultimo periodo pare che sia stato coinvolto in un presunto caso di molestie sessuali in danno di una dipendente dell’ente, come denunciato dal capogruppo regionale di Basilicata oltre, Massimo Zullino durante una seduta della quarta commissione regionale.

In quel caso Zullino fece emergere alcune voci che insistentemente circolavano per i corridoi di Viale Verrastro, secondo cui un dirigente del dipartimento salute avrebbe inviato messaggi whatsapp presumibilmente molesti.

Dopo la denuncia, Bardi con una nota diffusa dall’ufficio stampa della giunta regionale, aveva comunicato di aver fatto avviare un’istruttoria per avere un quadro più chiaro e per poter prendere una “decisione giusta”, aveva evidenziato il presidente della Regione. Al comunicato di Bardi, ne seguì anche uno dell’assessore regionale alla sanità, Francesco Fanelli che, annunciò che sarebbero stati presi i provvedimenti necessari perché “su questo tema – aveva evidenziato Fanelli – non sono possibili fraintendimenti”.

La notizia di oggi dunque sembrerebbe aver chiuso una vicenda che per qualche settimana ha tenuto banco in Basilicata e che sta già scatenando diverse reazioni nel mondo politico lucano.