Indagine in corso sulla presunta molestia in Regione Basilicata, Bardi: “Nessuna deroga al rispetto delle donne”

L’istruttoria avviata immediatamente per fare luce sulla vicenda si concluderà in pochi giorni, afferma il Presidente della Regione

BASILICATA – In seguito alle notizie di stampa riguardanti una presunta molestia avvenuta in una direzione della Regione Basilicata, il Presidente della Regione, Vito Bardi, ha immediatamente ordinato l’avvio di un’indagine interna.

“Ho dato istruzione agli uffici competenti di procedere all’istruttoria necessaria e doverosa”, ha affermato Bardi in una nota ufficiale. “Attendiamo di concludere il processo in pochissimi giorni, per ottenere un quadro chiaro della situazione e prendere la decisione più appropriata.”

Il Presidente Bardi ha sottolineato il suo impegno personale e professionale nel garantire il rispetto delle donne. “È un dovere morale e un faro nella mia vita”, ha detto, aggiungendo che non ci sono deroghe o compromessi su questo principio.

Nonostante l’attenzione mediatica sulla vicenda, Bardi ha ribadito l’importanza di seguire le regole e le procedure istituzionali, rispettando il principio di legalità che vale per tutti. “Tutto ciò avverrà in tempi rapidi”, ha assicurato, “per poi fornire una risposta chiara e trasparente all’opinione pubblica e ai cittadini lucani”.