Operazione Turn Over: otto arresti e 50 anni di reclusione a Foggia

La maxi indagine condotta dalla DDA di Bari e dai Carabinieri di Foggia porta a otto arresti e oltre cinquant’anni di reclusione per traffico di droga

A Foggia e altre regioni italiane, sono state eseguite le prime condanne riguardanti l’indagine di grande scala “Turn Over”, guidata dalla Direzione Distrettuale Antimafia (DDA) di Bari e eseguita dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Foggia a Trinitapoli. Le pene comminate ammontano a oltre cinquant’anni di carcere complessivi, e hanno portato all’arresto di otto persone per associazione a delinquere e traffico di droga.

La sentenza è diventata esecutiva alcuni giorni fa, a seguito del rigetto del ricorso da parte della Suprema Corte di Cassazione. Il blitz che ha portato all’arresto iniziale di dodici persone è avvenuto nel luglio 2020, grazie all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari. L’indagine ha permesso di scoprire un’associazione a delinquere dedita al traffico di stupefacenti, con accesso a armi da fuoco, operante a Trinitapoli e nei comuni limitrofi.

Dopo quasi tre anni, le prime otto condanne sono passate in giudicato, portando a un totale di oltre cinquanta anni di reclusione. Il 29 giugno 2023, gli otto condannati sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Foggia, con il supporto del Comando Provinciale BAT e di altre unità per i condannati detenuti in altre carceri italiane.

Questo risultato conferma l’importanza del lavoro svolto dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Foggia e dalla DDA di Bari nell’area del Basso Tavoliere, un territorio afflitto da gravi episodi di violenza legati al controllo del territorio da parte di gruppi criminali.