Spagna. Giovane coratino fermato per tentato omicidio in esecuzione mandato arresto europeo

Un giovane di Corato è stato fermato in esecuzione di un Mandato di Arresto Europeo emesso dalla Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari, su richiesta del Tribunale di Trani. L’accusa è di tentato omicidio in relazione a un episodio avvenuto il 10 marzo 2023 a Ruvo di Puglia.

La vicenda ha avuto luogo a seguito di una discussione tra il giovane, identificato come D.M., di 29 anni e originario della provincia di Napoli, e due individui del luogo. Durante il diverbio, il giovane avrebbe estratto una pistola e aperto il fuoco, colpendo gravemente un uomo di 60 anni al fianco sinistro. La vittima è stata immediatamente trasportata in ospedale dove è stata sottoposta a un intervento chirurgico d’urgenza.

Le indagini sono state avviate immediatamente dai Carabinieri di Ruvo di Puglia e dalla Sezione Operativa della Compagnia di Molfetta, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Trani. Grazie a tali indagini, sono emersi gravi indizi di colpevolezza a carico del giovane, che ha subito un fermo di indiziato di delitto emesso dal Tribunale di Trani l’11 marzo successivo. Successivamente è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Tuttavia, l’indagato è riuscito a eludere l’esecuzione della misura e si è reso irreperibile.

Il 6 giugno scorso, grazie al coordinamento della Procura di Trani, i carabinieri di Molfetta sono riusciti ad acquisire informazioni cruciali per individuare il latitante in Spagna. Attraverso il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, le diverse Forze di Polizia sono state messe in comunicazione, consentendo così il rintraccio e l’arresto del ricercato.

È importante sottolineare che il procedimento si trova attualmente nella fase delle indagini preliminari. Al momento dell’esecuzione della misura cautelare, saranno garantite tutte le tutele previste dalla legge, compreso il confronto con la difesa dell’indagato. L’eventuale colpevolezza dell’indagato per i reati contestati sarà accertata nel corso del processo, nel contraddittorio tra le parti.