trmtv

Un memoriale per le vittime dell’elicottero caduto a novembre vicino Apricena

  • Presenti l’ambasciatore sloveno e i parenti delle vittime

    Francesco Nardelli è il papà di Andrea uno dei due piloti dell’elicottero che il 5 novembre scorso è precipitato lungo il tragitto tra le Isole Tremiti e Foggia.

    A bordo c’erano sette persone: Maurizio De Girolamo, medico del pronto soccorso di San Severo, i piloti di Alidaunia Luigi Ippolito e appunto Andrea Nardelli e una famiglia slovena.Il Comune di Apricena ha eretto un cippo commemorativo ed una croce in legno a Castelpagano, luogo del rinvenimento dell’elicottero sulla montagna garganica.

    Come ‘Angeli caduti in volo’ è scritto sul monumento. Con i famigliari delle vittime, a testimoniare il dolore, le massime autorità civili, militari e religiose.

    “Dobbiamo cercare insieme, per dovere verso i parenti delle vittime, la verità dei fatti, qualsiasi essa sia” ha detto il Procuratore Vaccaro. Intanto, l’esito finale delle indagini peritali dovrebbero essere noto non prima del prossimo settembre.

    Exit mobile version