trmtv

Arrestato a Lecce aggressore di anziano e responsabile di danneggiamenti con arma da fuoco

  • La Squadra mobile della Questura di Lecce ha arrestato all’alba un cittadino salentino di 36 anni, accusato di aver aggredito un anziano pescatore e di aver danneggiato un’abitazione e un’auto attraverso l’esplosione di colpi d’arma da fuoco. L’arresto è avvenuto in seguito all’emanazione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere da parte del Giudice per le indagini preliminari di Lecce, su richiesta della Procura della Repubblica e della Direzione Distrettuale Antimafia.

    L’episodio si è verificato lo scorso 15 agosto, quando l’arrestato, già noto alle forze dell’ordine, ha aggredito un anziano pescatore sul lungomare della Marina di Torre Rinalda, dopo che quest’ultimo aveva rimproverato il suo comportamento minaccioso nei confronti di alcuni ragazzini che giocavano sulla riva. L’intervento di altri cittadini ha impedito conseguenze più gravi per l’anziana vittima.

    Tuttavia, secondo gli investigatori, l’arrestato ha deciso di vendicarsi nei confronti di chi aveva difeso il pescatore anziano, armarsi di una rivoltella e sparare diversi colpi d’arma da fuoco contro il portone dell’abitazione e un’auto di proprietà, danneggiandoli, per poi darsi alla fuga.

    Gli agenti della Sezione antirapina della Squadra mobile, analizzando i filmati delle telecamere presenti nella zona e le testimonianze delle vittime e di alcuni testimoni, sono riusciti a individuare il presunto responsabile dell’aggressione e dei danneggiamenti. L’Autorità Giudiziaria ha condiviso le ipotesi investigative della Polizia, emettendo l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, contestando all’indagato minacce, danneggiamento e porto in luogo pubblico dell’arma, con l’aggravante di aver agito per futili motivi e con metodo mafioso.

    La Squadra mobile di Lecce ha eseguito il provvedimento nella prima mattinata, conducendo l’indagato in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

    Exit mobile version