Cassazione rigetta ricorso: Ex Direttore Generale A.DI.S.U. Puglia Gavino Nuzzo assolto

La Corte di Cassazione conferma l’annullamento del sequestro e respinge le accuse di favoritismi e violazioni nella gestione dell’agenzia

La Corte di Cassazione, sesta sezione penale, ha rigettato il ricorso contro l’ordinanza del tribunale del riesame di Bari, confermando l’annullamento totale del sequestro ai danni dell’ex Direttore Generale dell’A.DI.S.U. Puglia, Dott. Gavino Nuzzo. La procura di Bari aveva disposto il provvedimento, ma la Cassazione ha respinto il ricorso, confermando la legalità delle azioni di Nuzzo.

Le motivazioni della decisione saranno rese note nei prossimi giorni. La difesa dell’ex Direttore Generale aveva contestato le ipotesi della Procura barese, relative a presunti favoritismi del dirigente dell’agenzia per il diritto allo studio universitario e presunte violazioni commesse durante la composizione delle commissioni per l’assegnazione di posizioni di impiego ed incarichi.

Gavino Nuzzo ha dichiarato di aver sempre avuto fiducia nella giustizia, sottolineando come la Cassazione abbia confermato la legalità e la correttezza delle sue azioni durante il suo mandato in A.DI.S.U. Puglia. L’ex direttore ha inoltre denunciato una gogna mediatica che ha cercato di infangare il lavoro svolto in questi anni, portando l’agenzia a essere una delle migliori d’Italia per la varietà e la qualità dei servizi offerti agli studenti. Nuzzo ha definito la situazione spiacevole sia per lui che per la sua famiglia, costretti a sopportare il peso di accuse infondate.