Tentarono di uccidere medico Asl Foggia: definitive condanne madre e figlio

La Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi difensivi rendendo quindi definitive le condanne, a 8 anni e 4 mesi, inflitte a Shpetim Rizvani, 28 anni, e a sua madre Haxhire Tusha, 64 anni, detenuti con l’accusa del tentato omicidio del medico dell’Asl Foggia Massimo Correra.

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, la mattina del 27 marzo 2018 il medico stava uscendo dal palazzo in cui viveva, insieme al figlio minorenne, quando la donna, appostata nell’androne, gli sparò mancandolo, mentre suo figlio l’attendeva all’esterno.

Le indagini di Procura e squadra mobile sfociarono dopo due mesi nel blitz ‘Caino e Abele’ con il fermo
della madre e del figlio, e del fratello del medico, l’imprenditore Maurizio Correra, sospettato di essere il
mandante del tentato omicidio per presunti dissidi legati a questioni ereditarie.

Correra fu assolto in primo grado dal gup che inflisse 10 anni a Rizvani e Tusha. In Corte d’Appello fu ribadita
l’assoluzione di Correra in quanto il ricorso del pm era tardivo, e ridotta la pena a madre e figlio a 8 anni e 4 mesi.
Sentenza ora confermata dalla Cassazione.