Gallipoli, movida indisciplinata. Aumentano i controlli in città

Dopo la violenta aggressione in strada a Gallipoli e le continue segnalazio di urla, schiamazzi nel Leccese, sono stati intensificati i controlli sul territorio da parte della Polizia di Stato.
Sono continui gli esposti e lamentele da parte dei residenti, a Gallipoli in modo particolare, per il disturbo della quieta pubblica e per la paura di transitare nei pressi dei luoghi della movida.
Per questo motivo, una nota paninoteca di Baia Verde è stata chiusa per 15 giorni.
L’ultimo episodio ha riguardato un’aggressione avvenuta ai danni di alcuni avventori, giovani turisti campani, e alcuni dipendenti del locale che ha portato alla prognosi di 20 giorni per la frattura dentaria per un giovane e la prognosi di 6 giorni per un altro ragazzo che ha riportato la contusione del gomito sinistro.

Nell’ambito dei controlli un bar del centro storico è stato sanzionato per occupazione di suolo pubblico perché con tavolini e poltroncine aveva occupato lo spazio senza essere stato preventivamente autorizzato dal Comune di Gallipoli.
Nella scorse nottate, controlli anche su navette NCC. Una di queste trasportava 11 persone, anziché le 8 previste ed il mezzo non era neanche adibito al trasporto di persone. Pertanto, il mezzo è stato posto a fermo amministrativo.
Fermato anche un uomo trovato in possesso di 11 dosi di cocaina e 210 euro probabile provento dell’attività di spaccio. Sempre durante il controllo di polizia all’uscita di Gallipoli sono stati fermati 5 giovani, trovati in possesso di droga. All’interno del veicolo, sono state trovate 2 mazze da baseball e 2 coltelli.
Attività di prevenzione è stata svolta anche dagli acquascooter della Polizia di Stato.