Questura di Taranto: “Occhio alle truffe al telefono, denunciate!”

Incremento delle telefonate alla Sala Operativa della Questura per denunciare truffe ad opera di chi non ha esitato ad approfittarsi della buona fede e dell’ingenuità di anziani cittadini. È accaduto a Taranto.

Le tecniche adottate dai truffatori sono differenti ma quella più ricorrente è la telefonata del falso nipote o del sedicente dipendente dell’Ufficio Postale che chiede al nonno o allo zio anziano di pagare, in contanti e se non sufficienti anche con monili in oro, un pacco postale che da lì a poco gli sarà consegnato da un falso corriere. Il consiglio per tutti è sempre lo stesso: denunciate!