Foggia, 26enne fermato dopo aver investito con l’auto due fratelli in seguito a una lite

 Investe con la sua auto due fratelli in seguito a una lite. Per questo un 26enne è stato fermato a Foggia, risponderà di tentato omicidio.

Con l’accusa di tentato omicidio la polizia ha fermato a Foggia un 26enne che, dopo un litigio per futili motivi, avrebbe tentato di investire due fratelli con la sua auto, riuscendo a ferirne uno. Questi ha riportato ferite giudicate guaribili in 40 giorni.

Il gip ha convalidato il fermo disponendo per l’indagato la custodia cautelare in carcere. Lo scorso 15 aprile, giorno dell’investimento, i poliziotti sono intervenuti in un’abitazione dove ignoti, dopo aver incendiato uno pneumatico, lo hanno scaraventato nel giardino di un’abitazione al piano terra.
In seguito gli agenti hanno accertato che la proprietaria della casa dove è finito lo pneumatico è la madre del 26enne ora sottoposto a fermo. La donna, nell’aprire la porta, è stata investita dalle fiamme proveniente dall’oggetto. Fiamme che le hanno provocato delle ustioni. Al momento si trova ancora ricoverata in ospedale ma non sarebbe in pericolo di vita. Gli investigatori stanno ora accertando se l’incendio sia stato una ritorsione per l’investimento.