Gdf Bari, sequestrati beni dal valore di circa 600 mila euro

Sequestrati beni dal valore di 600 mila euro nei confronti di un uomo di origini albanese e residente a Cassano delle Murge dalla Guardi di finanza di Bari. L’uomo risulterebbe essere vicino all’organizzazione criminale specializzata in furti seriali, a commercianti e bancomat.

L’esecuzione del provvedimento rappresenta l’epilogo della complessa attività investigativa svolta dal G.I.C.O. di Bari, finalizzata alla ricostruzione del profilo di pericolosità sociale del “proposto” e all’individuazione degli “asset” patrimoniali e finanziari riconducibili a quest’ultimo e ai componenti del relativo nucleo familiare.

Il destinatario del provvedimento di prevenzione sarebbe stato, difatti, riconosciuto come un soggetto connotato da una pericolosità sociale generica, in relazione al suo coinvolgimento in alcune attività estorsive avvenute nell’ottobre 2016, nonché in indagini, coordinate da questa Procura della Repubblica tra il settembre 2018 e il febbraio 2019, che avrebbero disvelato l’operatività di un’organizzazione criminale responsabile della commissione di ben 22 furti ai danni di esercizi commerciali in diversi centri della Città Metropolitana di Bari, ma anche nelle provincie di Potenza, Matera e Taranto.

I furti sarebbero stati commessi adottando un “modus operandi” ben collaudato: 4 o 5 sodali con il volto coperto, utilizzando diverse autovetture rubate o riciclate, si recavano sul posto di notte per impossessati della merce, nascondendo poi i mezzi di trasporto e la refurtiva in capannoni siti nelle località del barese di Bitonto, Santeramo in Colle e Cassano delle Murge.

Il materiale raccolto è stato oggetto di approfondimenti investigativi riconducibili all’uomo avrebbero consentito di individuare beni di valore sproporzionato rispetto alle relative fonti reddituali ufficiali.
Sono state sottoposte a sequestro anticipato quattro unità immobiliari a Cassano delle Murge e disponibilità finanziarie per un importo complessivo di circa 600 mila euro.