Bari, occupazione abusiva di un appartamento di Arca Puglia a Japigia: denunciata una donna

E’ riuscita a violare una porta blindata, occupando abusivamente un appartamento di proprietà di Arca Puglia. E’ successo a Bari, nel quartiere Japigia, dove la polizia locale ha denunciato una donna trentenne, inquilina abusiva dell’immobile. La casa, arredata e composta da cinque vani, è regolarmente occupata da una donna anziana assegnataria dell’appartamento, che è momentaneamente ospite dei figli. Al loro ingresso gli agenti hanno avvertito un forte odore di bruciato, segno che la porta blindata, potrebbe essere stata danneggiata e poi aperta, usando una fiamma ossidrica e un disco flessibile per il taglio. La polizia sospetta che la donna non abbia agito da sola, ma che sia stata aiutata da altri soggetti legati alla criminalità. Le occupazioni abusive – si legge nella nota diffusa dalla polizia locale di Bari – hanno il supporto di individui criminali sistematicamente organizzati o perfino “registi” nelle assegnazioni. Non si spiegherebbe altrimenti questo tipo di violazioni della proprietà privata, nonostante, il più delle volte, le persone che occupano illecitamente gli appartamenti siano spinti da condizioni di indigenza. L’appartamento recuperato è stato riconsegnato ad Arca Puglia che, dopo la rinuncia dell’anziana donna precedentemente assegnataria, ha consegnato la casa a un altra famiglia avente diritto.

Nel 2021 – si legge nella nota diffusa – la polizia locale di Bari ha inviato all’autorità giudiziaria ben 69 informative di reato per occupazioni abusive di alloggi pubblici. 91 le persone denunciate, mentre quasi la metà degli alloggi occupati è stato immediatamente liberato e restituito agli assegnatari o all’ente proprietario.