Barletta, scomparsa Michele Cilli. Il legale della famiglia: “Richiesto il Piano provinciale per la ricerca delle persone scomparse”

“Abbiamo fatto richiesta di attivazione del piano provinciale per la ricerca delle persone scomparse in Prefettura”

Proseguono incessanti a Barletta e nei dintorni le ricerce di Michele Cilli, il giovane 24enne scomparso nella notte tra sabato 15 e domenica 16 gennaio. Numerosi gli appelli disperati dei familiari, che non si arrendono e vogliono scoprire la verità. Abbiamo provato a sentire il legale della famiglia Cilli, Michele Cocchiarole, per avere aggiornamenti su quanto sta accadendo in queste ore a Barletta. L’avvocato ci ha riferito di aver fatto formalmente richiesta di attivare il Piano provinciale per la ricerca delle persone scomparse in Prefettura. Inoltre, ci ha riferito che è stato nominato come consulente di parte il criminologo investigativo forense Gianni Spoletti, che giungerà in Puglia nelle prossime ore per seguire da vicino il caso di Michele Cilli. Il giovane, lo ricordiamo, era stato ad una festa di compleanno di un amico, in un bar in piazza 13 Febbraio 1503, poi, all’una e mezza, si sarebbe allontanato a bordo dell’auto di un conoscente e da, quel momento, non ha fatto più ritorno a casa. L’auto sulla quale si sarebbe allontanato, una Golf nera con targa tedesca, è stata trovata dalla polizia e ora sarà la scientifica a dare qualche risposta, su eventuali tracce ematiche o impronte lasciate su carrozzeria e tappezzeria. Il proprietario dell’auto, volto noto alle forze dell’ordine, sarebbe tornato dopo un’ora davanti al locale con i polsi feriti, agli inquirenti avrebbe detto di aver avuto un incidente domestico e di essere stato all’ospedale Foggia per le cure necessarie.