Putignano, tentata rapina in villa finisce in aggressione a colpi di cacciavite

Arrestato dai carabinieri uno dei due ladri che, con un cacciavite, avrebbe colpito piu’ volte i proprietari

Un tentativo di rapina finito in una aggressione a colpi di cacciavite. E’ quanto successo nella periferia di Putignano, nel Barese, dove due ladri avrebbero cercato di svaligiare una villetta. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, dopo essere stati sorpresi dai due fratelli proprietari di casa, uno dei sue ladri, un 40enne incensurato di nazionalita’ albanese, avrebbe aggredito le vittime con un grosso cacciavite. L’altro malvivente, invece, sarebbe fuggito.

I due ladri erano entrati in casa forzando una finestra sul retro. Durante la violenta aggressione, uno dei due ladri ha più volte ferito con un cacciavite le vittime che, nonostante i fendenti ricevuti, sono riuscite a bloccarlo fino all’arrivo dei carabinieri, che hanno arrestato il 40enne per rapina in abitazione e lesioni personali aggravate.

I due fratelli sono stati portati all’ospedale Santa Maria degli Angeli per le ferite riportate. La loro prognosi e’ di 15 giorni. Anche il rapinatore ha dovuto ricorrere alle cure mediche. Nella villetta i militari hanno sequestrato un paio di guanti in lattice, uno scaldacollo, un cacciavite e la chiave di un’auto. Nella casa dell’arrestato, a Santeramo in Colle, sono stati trovati ulteriori arnesi da scasso, flessibili e ricetrasmittenti.