Foggia, 41enne arrestato dopo aver costretto la compagna a iscriversi a chat di incontri

Un uomo nel Foggiano è stato arrestato dopo aver costretto la compagna che aveva perso il lavoro a iscriversi a un sito di incontri.

Violentemente picchiata dal compagno perché, dopo aver perso il lavoro, si è rifiutata di iscriversi su un sito di incontri per prestazioni occasionali a pagamento. E’ successo a una donna del Foggiano, il cui compagno è stato arrestato per averle sferrato calci e pugni, averle legato le caviglie con una corda e averle scagliato contro un estintore.
L’uomo, un 41enne del posto, è stato arrestato e ora dovrà rispondere di maltrattamenti e lesioni aggravate.
La situazione all’interno della coppia convivente è degenerata nel momento in cui la vittima ha perso il lavoro. L’uomo quindi, per affrontare le difficoltà economiche, avrebbe preteso dalla donna l’iscrizione da parte sua a una chat di incontri con lo scopo di proporre rapporti sessuali a potenziali clienti. Rapporti che poi non sarebbero stati consumati perché, una volta ricevuto il pagamento, l’uomo sarebbe arrivato sul posto per mandare tutto a monte con una scenata di gelosia.
Di fronte al rifiuto della donna, l’uomo avrebbe cominciato ad avere atteggiamenti violenti nei suoi confronti, sequestrandole anche il cellulare e costringendola a rimanere in un’abitazione di campagna.