Indagini della GdF su peculato e riciclaggio nella liquidazione di una società lucana, tre ai domiciliari

Un uomo e una donna – marito e moglie, entrambi della provincia di Potenza – e un imprenditore milanese sono stati posti gli arresti domiciliari oggi, dalla Guardia di Finanza, a conclusione di indagini sulla messa in liquidazione di una società, la Coseb (Consorzio cooperative servizi Basilicata), con le accuse di peculato e riciclaggio.

Gli arrestati, su disposizione del gip presso il Tribunale di Potenza, sono Dante Tirico, liquidatore della Coseb, sua moglie, Cristina Giulia Preziuso, e l’imprenditore milanese Alessandro Caracappa.

L’operazione “Liquidator” – coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza – è partita dopo che Tirico aveva ottenuto “il riconoscimento di un importante credito, per oltre due milioni di euro, vantato per prestazioni erogate dalla società di cui era liquidatore a favore della Ciclat Ausiliari traffico società cooperativa”, che gestiva nell’area di Roma gli ausiliari del traffico. Il diritto di credito è stato venduto per una “cifra irrisoria” alla società di Caracappa che, a sua volta, lo ha rivenduto alla società di cui era rappresentante Preziuso. I due passaggi sono costati il primo 170 mila euro e il secondo 200 mila euro, facendo emergere – secondo l’accusa – “evidenti anomalie”, fino al punto che il denaro della società in liquidazione è stato “distratto artificiosamente dalle casse societarie”.