Potenza, rapinarono centro scommesse: tre arresti

Esecutori materiali e mente della rapina ad un’agenzia di scommesse avvenuta a Potenza nella notte fra il 3 e il 4 agosto scorso. Con queste accuse tre persone sono state arrestate dalla Squadra Mobile su indagine della Procura della Repubblica lucana.

Nella notte fra il 3 e 4 agosto scorso in viale Marconi a Potenza, avevano messo a segno una rapina fruttata 12mila euro presso un noto centro scommesse ed avevano in mente di replicare presso uno street food locale, peccato per loro che a fermarli siano stati gli agenti dalla Squadra Mobile.

Tre persone del posto, due esecutori materiali e la mente del gruppo, sono state arrestati e condotti in carcere su ordinanza emessa dal gip su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo lucano. Si tratta del 31enne Carmine Santarsiero, il 26enne Leonardo Selvaggi e l’organizzatore 32enne di nazionalità rumena, Ionut Eftime Luchian. Intorno alla mezzanotte, i due rapinatori, a viso coperto e armati di una pistola scacciacani acquistata regolarmente poche ore prima, intimarono al cassiere presente in agenzia di consegnare il denaro, poi la fuga. A smascherarli, un tatuaggio di uno di loro, immagini di videosorveglianza e intercettazioni che hanno consentito di individuare Santarsiero, peraltro, arrestato un paio di giorni dopo la rapina per fatti diversi. I dettagli investigativi, tra gli altri, sono stati resi noti dal procuratore Curcio, che ha parlato di evento preoccupante e insolito per la città di Potenza.