Omicidio anziana a Bari: convalidato fermo, 51enne resta in cella

L’uomo ha rivelato alla figlia: “Tua madre prossima vittima”

E’ stato convalidato il fermo di Saverio Mesecorto, il 51enne barese reo confesso di aver ucciso la 81enne Anna Lucia Lupelli, colpendola con 8 coltellate nella sua casa nel quartiere Carrassi di Bari, dove l’uomo faceva le pulizie condominiali. Dinanzi al giudice l’indagato, che già agli investigatori e poi al pm aveva confessato, ha risposto alle domande confermando la propria responsabilità, sia sulla commissione dell’omicidio sia sul movente. L’anziana signora non sarebbe stata però l’unica vittima di Mesecorto. L’uomo ha infatti rivelato a sua figlia che avrebbe ucciso anche la sua ex moglie. “Oggi per andare avanti bisogna comportarsi così – avrebbe detto la figlia ai poliziotti riferendo le parole pronunciate dal padre – e la prossima volta ad essere uccisa sarà vostra madre”. Il dettaglio è valorizzato dal gip nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dopo la convalida del fermo per evidenziare la “pericolosità” dell’uomo. Il giudice ricostruisce il delitto attraverso la confessione dello stesso assassino. “Sono andato a casa della signora Lupelli con l’intenzione di ucciderla e togliere il denaro – ha fatto mettere a verbale il 51enne – . Ho bussato e le ho chiesto un bicchiere d’acqua, lei me lo ha portato, io ho bevuto, lei si è girata per portare via il bicchiere e io l’ho afferrata da dietro e aggredita. Ha urlato e io allora gli ho tappato la bocca e l’ho colpita. Non ce la facevo più – ha affermato – per questo ho fatto questa fesseria”.