Schiaffi e calci alla compagna, divieto di avvicinamento per un 42enne di Andria

Avrebbe aggredito la compagna con schiaffi al volto e calci alle gambe al culmine dell’ennesimo litigio. La Polizia ha notificato la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla persona offesa, con applicazione del braccialetto elettronico, ad un pluripregiudicato 42enne di Andria.

L’ultimo presunto episodio di violenza risale al 5 settembre, quando i poliziotti sono intervenuti dopo una richiesta d’aiuto da parte di una donna, che raccontava di essere stata insultata e picchiata dal compagno convivente mentre il figlio più piccolo, di un anno e mezzo, dormiva in un’altra stanza, e gli altri due figli, di 3 e 5 anni e mezzo, si trovavano a casa dei nonni, a pochi metri di distanza dalla loro. Durante l’ennesimo litigio l’uomo avrebbe colpito ripetutamente al volto la compagna e le avrebbe poi sferrato un calcio alle gambe. La donna sarebbe riuscita a sottrarsi alla violenza del compagno, riparandosi a casa dei genitori e chiamando il 113. Il 42enne, già responsabile di fatti analoghi nei confronti della ex moglie, era stato arrestato nel 2019 per maltrattamenti in famiglia e verso fanciulli, nell’ambito della relazione con l’attuale compagna. Al termine della custodia in carcere, i due erano però tornati insieme, fino all’aggressione di qualche giorno fa.