Truffa finanziamenti europei nel Brindisino: sequestrati 850.000 euro

Avrebbero realizzato un complesso sistema per evadere il fisco sul denaro incassato indebitamente dai fondi europei per l’agricoltura. Con questa accusa la Guardia di Finanza di Ostuni ha dato esecuzione al sequestro di 850mila euro nei confronti di due società e tre persone di Carovigno nel Brindisino.

Gli indagati sono stati denunciati per truffa e reati fiscali. Il sequestro è stato disposto dal giudice per le indagini preliminari di Brindisi, Vilma Gilli, nell’ambito di un’inchiesta su finanziamenti pubblici che sarebbero stati indebitamente percepiti per l’ammodernamento di uno stabilimento oleario e per la realizzazione di impianti per la spumantizzazione di vini di qualità. Ammonta a 219mila euro in denaro sequestrato sui conti correnti bancari.

Tra i beni congelati anche un appartamento e due locali commerciali.

Secondo le indagini, gli indagati avrebbero messo in piedi un sofisticato sistema di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per un importo complessivo di 525 mila euro, nonché di falsi finanziamenti tra imprese per evadere le imposte e percepire indebitamente aiuti comunitari per un milione e 300mila euro circa.