Arrestato il fratello del 32enne assassinato a San Severo

L’uomo forse era pronto a vendicarsi, cambiava targa su auto rubata

Arrestato Antonio Bonaventura, il fratello di Luigi assassinato a San Severo il 14 agosto scorso. 

Arrestato in flagranza per il reato di riciclaggio Antonio Bonaventura, il fratello della vittima dell’agguato mortale dello scorso 14 agosto a San Severo. Durante un ordinario turno di controllo del territorio, gli agenti lo hanno sorpreso mentre stava applicando una targa di origine bulgara su un auto. Immediati sono scattati gli accertamenti, che hanno permesso di appurare che l’autovettura era stata rubata fuori provincia pochi giorni fa. Subito dopo è scattata la perquisizione sul mezzo, al cui interno, accartocciata e già manipolata al fine di far apparire la lettera “F” come lettera “E”, c’era la targa originale. Nonostante a carico dell’arrestato non manchino pregiudizi relativi ai reati contro il patrimonio, il modello dell’autovettura e, in particolare, la sua potenza, nonché la manipolazione delle targhe finalizzata ad ostacolare l’identificazione di provenienza delittuosa non escludono, alla luce del recentissimo e tragico lutto familiare, che tale reato possa essere stato commesso in esecuzione di un più ampio disegno criminoso.
In attesa della convalida dell’arresto da parte dell’autorità giudiziaria il soggetto è detenuto presso la casa circondariale di Foggia.