G 20 a Matera, grande soddifazione da parte delle forze dell’ordine per il lavoro svolto

Un lavoro congiunto tra le varie forze dell’ordine e preparato con ampio anticipo, che ha prodotto ottimi frutti in termini di sicurezza e vivibilità della città. E’ quanto è emerso dalla conferenza stampa che si è tenuta nella sede della polizia stradale a Matera a conclusione dei lavori del G20 nella città dei sassi: un evento che ha ospitato oltre 80 delegazioni, più di 400 mezzi per un totale di oltre 500 ospiti e che per la caratura dei ministri presenti richiedeva un delicato lavoro di sicurezza e anche di intelligence.

Presenti per la conferenza stampa il prefetto di Matera, Rinaldo Argentieri, il questore Eliseo Nicolì, il comandante provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, rispettivamente, Roberto Lerario e Antonio Cardellicchio.

Una organizzazione che è partita da Gennaio, con i tavoli settimanali in prefettura – è stato detto – e che è stata finalizzata negli ultimi tre giorni, aumentando via via, la presenza in città di inibizioni al traffico e controlli di vario tipo. L’approccio di sicurezza, quello dei cerchi concentrici, partendo dalle strade a ridosso del centro storico, fino ad arrivare al quartier generale tra Palazzo Lanfranchi e Museo Ridola, vera zona rossa. Il tutto, adeguandolo ai vari livelli di rischio.

Anche quei pochi tentativi, non malevoli, di intrufolarsi nelle zone rosse – è emerso dal punto stampa – sono stati subito neutralizzati. A supporto, una sala regia con immagini nei punti cruciali della città, dove confluivano anche quelle che arrivavano dall’elicottero che sorvegliava dall’alto.

Grande la sinergia tra Carabinieri, Polizia di stato e Guardia di Finanza, quest’ultima con l’ausilio dei baschi verdi. Determinanti gli apporti arrivati dalla Puglia, Campania, ma anche da Milano e Venezia. Decisiva anche la collaborazione con la polizia stradale che si è occupata, tra le altre cose, dei cortei delle staffette e delle varie indicazioni stradali.

Infine un grazie speciale è stato inviato ai cittadini che hanno saputo vivere questo momento in maniera molto diligente.