Rubano cavi dalla linea elettrica in piena notte tra Gravina in Puglia e Poggiorsini: due in manette

Sul posto i carabinieri hanno rinvenuto anche una cesoia di grosse dimensioni, 5 matasse di cavo metallico di dubbia provenienza e dei ramponi per arrampicata

Volevano mettere a segno un furto di cavi elettrici nella contrada Villi Filippi tra Gravina in Puglia e Poggiorsini, ma sono stati fermati dai carabinieri giunti sul posto. I militari, infatti, da giorni avevano osservato i loro movimenti. Pochi giorni prima si era consumato un furto simile, e i carabinieri avevano ritenuto che si sarebbe potuto ripetere, dal momento che altri cavi risultavano in parte manomessi, ma non erano ancora asportati del tutto. Così, dopo la predisposizione di mirati servizi di osservazione nella predetta località, i militari hanno effettivamente notato sopraggiungere in piena notte un’auto, dalla quale sono scesi due individui che hanno iniziato a predisporre l’attrezzatura idonea per arrampicarsi sui pali e per impossessarsi dei relativi cavi. L’effetto sorpresa ha, però, interrotto la loro azione in quanto sono stati bloccati, nonostante il loro vano tentativo di fuggire a piedi nel buio, lanciando addirittura delle pietre verso i carabinieri. Gli immediati accertamenti sulla loro identità hanno poi consentito di riscontrare che si trattava di due cittadini romeni residenti in un comune della Daunia, con precedenti anche per reati specifici, i quali non hanno potuto far altro che ammettere le loro responsabilità. Sul posto i carabinieri hanno rinvenuto anche una cesoia di grosse dimensioni, 5 matasse di cavo metallico di dubbia provenienza e dei ramponi per arrampicata da utilizzare per raggiungere i cavi elettrici attraverso i pali, tutto sottoposto a sequestro unitamente all’autovettura da loro utilizzata. Tratti in arresto e condotti in carcere a Bari, dovranno difendersi dall’accusa di tentato furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale