Corruzione elettorale e abuso d’ufficio: rinvio a giudizio per Angelo e Napoleone Cera

Il gup del Tribunale di Foggia ha rinviato a giudizio Angelo e Napoleone Cera, padre e figlio rispettivamente ex deputato Udc ed ex consigliere regionale dei Popolari, il direttore generale dell’Asl di Foggia, Vito Piazzolla, e l’ex consigliera comunale di Manfredonia, Immacolata Rosalia Bisceglia. Sono accusati, a vario titolo, di corruzione elettorale, abuso d’ufficio e induzione indebita a dare o promettere utilità. In particolare, Bisceglia e i Cera sono accusati di aver promesso di nominare la figlia della consigliera comunale addetto stampa del consigliere regionale Cera in cambio dell’appoggio elettorale a Giuseppe Mangiacotti dell’Udc, candidato consigliere alla Provincia di Foggia nel febbraio 2019. Ad Angelo Cera si contesta la promessa di assunzioni in enti pubblici. I Cera rispondono di tentata indizione indebita anche in relazione alle procedura di nuove assunzioni nel Consorzio per la Bonifica della Capitanata (costituitosi parte civile nel processo). Al dg Piazzolla, in concorso con i Cera, è infine contestato il reato di induzione indebita a dare o promettere utilità con riferimento alla sospensione della procedura di internalizzazione del servizio Cup con affidamento della gestione alla società Sanitaservice della Asl di Foggia. La prima udienza del processo è fissata per il prossimo 19 ottobre.