Furti, armi e droga: la polizia di Bari arresta due giovanissimi

un 21enne georgiano è accusato di almeno 19 furti in cantine. Un 20enne è stato arrestato per traffico di droga e porto abusivo di armi

Ci sono volute 23 segnalazioni alla polizia e un’intensa attività di controllo sul territorio. Alla fine, la polizia di Bari ha arrestato un cittadino georgiano di 21 anni. Sarebbe lui, secondo quanto emerso dalle indagini, ad essersi introdotto in uno stabile nella notte tra venerdì e sabato. Il giovane avrebbe forzato e aperto alcuni box auto e cantine nel piano interrato, portando via vario materiale. Sorpreso dagli agenti, è stato arrestato in flagranza mentre il materiale asportato è stato restituito ai legittimi proprietari. Il 21enne avrebbe commesso almeno 19 furti in cantine di palazzi nei quartieri Poggiofranco e San Pasquale. Dagli accertamenti è emerso che 11 furti commessi nei giorni precedenti sono stati addebitati al ragazzo e altri 7 furti sarebbero stati commessi in concorso con un connazionale di 19 anni. Ci sono poi le tracce di sangue ritrovate all’interno di altre due cantine svaligiate, che gli agenti hanno prelevato e che ora saranno comparati con i prelievi di campioni biologici già eseguiti sull’arrestato. Sarà l’esito degli esami a stabilire se sia lui il responsabile anche degli altri due colpi. Non solo furti, a distanza di poche ore gli agenti della volante hanno arrestato un altro giovane di 20 anni, con le accuse di porto abusivo di armi, ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il ragazzo si trovava nei dintorni di un palazzo in via Bovio, insieme ad altri due coetanei. I poliziotti, insospettiti, li hanno sottoposti a controllo. I tre sono stati identificati: si trattava di due pregiudicati di 20 e 22 anni e un incensurato di 22. La perquisizione sui due 22enni ha dato esito negativo, mentre il 20enne è stato trovato in possesso di una pistola munita di caricatore e 2 cartucce. Nel suo marsupio il giovane portava con sé 7 chili e mezzo di hashish, suddivisi in 6 bustine. E 120 euro in contanti. I poliziotti hanno trovato altri 25 grammi della stessa droga a casa del 20enne. Le bustine vuote nascoste persino nel contatore dell’acqua condominiale. Qui c’erano anche bilancino di precisione e un taglierino, utilizzati per il confezionamento delle dosi.