Modugno (BA). Maltrattamenti in famiglia, arrestato dai Carabinieri un 52enne

Tormentava da mesi i genitori con minacce e richieste di denaro

Nella serata di ieri i militari di Modugno nel barese hanno arrestato un 52enne, senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine.  L’uomo viveva in un B&B, e nell’ultimo semestre aveva iniziato a perseguitare i propri genitori presentandosi a qualsiasi ora del giorno e della notte sotto la loro abitazione, spesso dopo aver fatto abuso di bevande alcoliche, minacciandoli e chiedendo loro del denaro per pagare il suo soggiorno nelle varie strutture dallo stesso frequentate.

Solo nell’ultimo mese – spiegano i Carabinieri – erano intervenuti più volte in soccorso degli anziani genitori che, terrorizzati, chiedevano aiuto appena il figlio si presentava citofonando al portone della loro abitazione, temendo il peggio, per poi allontanarsi prima del sopraggiungere dei militari.

In qualche occasione gli anziani coniugi hanno anche tentato di accogliere il loro figlio, ma puntualmente quest’ultimo una volta in casa iniziava ad agitarsi e ad inveire, soprattutto contro il padre, arrivando anche ad aggredirlo.

Per paura di essere ulteriormente assaliti, proseguono i militari in una nota “hanno iniziato ad uscire di casa con paura e comunque solo dopo essersi accertati che il figlio, non fosse nei paraggi. Ma gli atteggiamenti dell’uomo non cessavano, tanto che gli anziani genitori sono stati costretti a denunciare i fatti alle autorità, ormai terrorizzati dal fatto che il 52enne potesse fargli del male”.

Alla fine, solo nella giornata di ierii militari sono dovuti intervenire prima in piena notte perché l’uomo aveva cominciato a suonare selvaggiamente al citofono dell’abitazione dei genitori e ad urlare per la strada. Qualche ora più tardi, nel corso della stessa giornata, precisamente nel tardo pomeriggio di ieri si è ripresentato, stavolta entrando abusivamente nella casa degli anziani genitori, inveendo contro di loro e minacciandoli di morte.
Il tempestivo arrivo dei militari ha permesso di procedere nei confronti del soggetto che colto nella flagranza del reato è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e condotto presso la Casa Circondariale di Trani a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.