Maltrattamento cani e traffico di cuccioli, 40 denunce dopo due anni di indagini

“Crudelia Demon” è il nome dell’operazione diretta dalla Procura di Ancona eseguita dai Carabinieri Forestali e culminata dopo due anni di indagini preliminari con 29 denunce verso altrettanti allevatori di cani di razze pregiate, tra cui pittbull, dogo argentino, cane corso, residenti in nove regioni italiane e 11 medici veterinari denunciati a vario titolo per maltrattamento, falso in atto pubblico, traffico illecito di animali da compagnia, abusivo esercizio della professione veterinaria, uso di atto falso. Nei 59 documenti falsi attribuiti a 6 veterinari – tra cui Ancona, Napoli, e Viterbo – ve ne sarebbe anche uno di Matera.

Dalla ricostruzione dei carabinieri Forestali sono emersi i casi di 16 allevatori di cani e quattro veterinari coinvolti in 52 amputazioni illegali di orecchie e coda tra il 2017 e il 2019, alcuni in base a certificati falsi (vietati dalla Convenzione europea del 1987), effettuati per conferire un aspetto più aggressivo agli animali e renderli così più appetibili agli acquirenti stranieri, in Paesi nei quali il taglio di orecchie e coda non è consentito.

Tra le 40 denunce c’è anche quella che interessa un trasportatore ed allevatore, residenti a Bari, accusati invece di aver falsificato, in concorso con altri allevatori e veterinari, i documenti per esportare 30 cani (corso, bassotto, mastino napoletano) verso gli Stati Uniti e di aver importato sempre dall’america cinque cani (american pittbull terrier, bulldog, golden retriever) con documenti falsi, sotto i tre mesi di età e senza vaccinazione antirabbica, così configurando il delitto di traffico illecito di animali da compagnia.

A casa dell’allevatore, sono state trovate etichette false di vaccino antirabbico, documenti di esportazione e libretti sanitari falsi.

Oltre 40 amputazioni illegali sono attribuite dagli inquirenti a una veterinaria con Ambulatorio nel Maceratese che risultava operare in un locale-ambulatorio, presso un allevamento in Provincia di Ancona. Accertate 34 esportazioni, principalmente in Usa, di cuccioli di corso e mastino napoletano (non vaccinati contro la rabbia, documenti falsi di vaccinazione, data di nascita diversa dall’effettiva).

Rilevata l’importazione illegale di cinque american pittbull terrier, bulldog, golden retriever, importati in cinque occasioni in Italia dagli Usa; 59 documenti falsi attribuiti a 6 veterinari (Ancona, Napoli, Viterbo, Matera).