Arrivo a Taranto di 250 migranti minorenni, Marti: “Puglia non deve diventare hub di tratta criminale”

“L’arrivo a Taranto di 250 minori provenienti dall’hot spot di Lampedusa significa che l’aperturismo politico sui flussi migratori ha fatto ripartire nel mediterraneo l’orrendo e disumano business della tratta dei minori”. Cosi’ il segretario regionale della Lega Puglia, il senatore Roberto Marti, riguardo al transito dal capoluogo ionico dei minorenni imbarcati ieri sul traghetto di linea Sansovino che resteranno in quarantena al varco nord del porto di Taranto prima di essere smistati in strutture e altre località.

“Dobbiamo fermare tutto questo – ha dichiarato Marti – dobbiamo fermare i criminali scafisti che sono tornati a dominare il mediterraneo procurando morte e sofferenza”.

“La Puglia – ha proseguito il segretario regionale della Lega – non deve diventare l’hub di questa tratta criminale. Con Salvini ministro dell’Interno – ha affermato Marti – furono sgominate queste bande di assassini e furono fermate le morti nel mediterraneo, che oggi purtroppo torniamo a contare in gran numero. Di fronte a questa gravissima situazione l’Italia e l’Europa non possono fare spallucce o peggio lasciare ‘complici’ spazio a questo business disumano”.

“Chiediamo un immediato intervento del presidente Draghi – ha concluso il segretario regionale della Lega – per bloccare immediatamente gli sbarchi”.