Nel foggiano, a Mattinata, maltrattamenti e violenze sessuali a moglie: arrestato 41enne

L’uomo avrebbe abusato della donna anche durante gravidanza

Avrebbe maltrattato fisicamente e psicologicamente la moglie originaria della Repubblica Ceca costringendola ad avere rapporti sessuali contro la sua volontà anche durante il periodo di gravidanza. Con le accuse di ripetute violenze sessuali nei confronti della moglie di 39 anni, e di maltrattamenti in famiglia anche nei confronti dei loro sei figli, i carabinieri hanno arrestato, su ordinanza emessa dal Gip del tribunale di Foggia, un 41enne di Mattinata, nel Foggiano. L’uomo è già noto alle forze dell’ordine poiché autore di diversi reati e per aver gestito un lido privo delle relative autorizzazioni. Dalle indagini è emerso che le violenze hanno riguardato anche i sei figli della coppia che hanno tra i 4 e i 15 anni. Nei primi giorni di marzo, il Centro Anti Violenza di Capitanata, grazie ad una serie di segnalazioni anonime, è riuscito a convocare la donna la quale ha ammesso tutti i soprusi subiti dall’uomo dal 2009. Successivamente la procura di Foggia e il tribunale per i minorenni di Bari hanno collocato la donna e i figli in una località protetta. La donna ha raccontato che il marito, a causa della sua gelosia morbosa e possessiva, le ha sempre impedito di divenire autonoma da punto di vista economico: “ti ho tolto i libri, t’ho tolto il telefono, ti ho tolto la palestra e ora ti devo togliere le sigarette”, le avrebbe detto durante le violenze.