Manfredonia: nascondeva in casa 90 panetti di hashish, arrestato 48enne incensurato

La droga sequestrata avrebbe prodotto 94mila dosi

Nascondeva quasi 100mila dosi di hashish in un ripostiglio. Tutte destinate allo spaccio. A finire in manette è un 48enne di Mandredonia, in provincia di Foggia. L’uomo, incensurato,è stato prima portato in carcere dai carabinieri, per poi essere posto agli arresti domiciliari. L’intero carico di droga è stato sequestrato. 7 chili in tutto, di tre tipologie diverse, divisi per l’esattezza in 90 panetti per il confezionamento di 94mila dosi. Una quantità tale da lasciar intendere che la domanda fosse alta e che lo stupefacente fosse destinato a un’ampia piazza di spaccio. L’uomo è stato arrestato in flagrante, dopo una perquisizione domiciliare da parte dei militari della comagnia di Manfredonia.

Questi ultimi, una volta arrivati sul posto, hanno scoperto al terzo piano di un’abitazione nel centro cittadino un carico ingente di droga custodito all’interno di un pensile nel ripostiglio. Tutti i panetti sigillati singolarmente con del cellophane trasparente e chiusi, a loro volta, in blocchi da cinque pezzi ciascuno con scotch da imballaggio. Su ogni confezione veniva riportata la diversa tipologia: Ferrari, Nikol e Skunk. A conferma del fatto che l’hashish fosse destinato allo spaccio, anche le analisi chimiche che hanno rilevato un principio attivo molto alto della sostanza.

Le perquisizioni domiciliari da parte dei carabinieri non si sono fermate qui. I militari hanno segnalato alla Prefettura di Foggia 7 persone, per uso di hashish e cocaina. Altre 7 sono state multate per contravvenzioni al codice stradale. Una persona, positiva al Covid, è stata denunciata per violazione degli obblighi imposti dalla quarantena.