A.Mittal: Ugl chiede incontro urgente dopo incendio di ieri nell’Acciaieria 2

 

 

La Ugl Metalmeccanici ha chiesto un incontro urgente ai commissari di Ilva in As a seguito della deflagrazione, seguita da un incendio, che si è verificata ieri nel reparto di colata continua dell’Acciaieria 2 dello stabilimento ArcelorMittal di Taranto. “Ancora una volta – sottolinea l’organizzazione sindacale – solo il fato ha evitato che un’altra tragedia colpisse i lavoratori dell’ex Ilva e conseguentemente le loro famiglie, poiché d’altronde questi eventi sono divenuti la prassi. I lavoratori sono costretti a lavorare senza alcuna sicurezza, operando su impianti e macchine, sulle quali non si effettua più nemmeno manutenzione ordinaria, da anni denunciata, per mancanza di ricambi causati dal mancato approvvigionamento”. Secondo l’Ugl “nelle attuali condizioni i suddetti impianti non sono in grado di garantire le produzioni, sia in termini quantitative sia qualitative, considerate le molteplici fermate e ripartenze alle quali sono costretti, registrando ricadute sulle vendite e, conseguentemente, sui ricavi”. Il sindacato ritiene “che sia doveroso un intervento urgente della struttura commissariale, proprietaria degli impianti, e dei ministri competenti dello Sviluppo economico e del Lavoro, affinché dettino le nuove regole per un reale cambio di passo ed intervengano immediatamente sulla governance di Am InvestCo, affinché si possa eliminare il clima di tensione in cui da oltre un anno e mezzo i lavoratori sono costretti a vivere”.