Mafia: tre beni confiscati per nuovi alloggi Polizia Andria

 

Tre beni confiscati alla criminalità organizzata ad Andria sono stati trasferiti nel patrimonio dello Stato per le esigenze della istituenda Questura. Si tratta, nel dettaglio, di un’unit immobiliare per uso abitazione del valore di 366 mila euro con annessi magazzino e box auto. Oggi si sono formalmente concluse le operazioni di trasferimento dei beni con la sottoscrizione del verbale di consegna da parte di Prefettura, Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata e Agenzia del Demanio. “Tre beni confiscati ad un rappresentante della criminalità organizzata locale entrano nella disponibilità dello Stato con una specifica destinazione al servizio della Polizia di Stato – ha dichiarato il prefetto Maurizio Valiante -. La restituzione dei beni al circuito della legalità un elemento decisivo per un’efficace strategia di contrasto alla criminalità organizzata ed un segnale credibile di affermazione dello Stato, proprio in vista dell’imminente avvio ed operatività della sede della nuova Questura che rappresenterà un solido architrave della sicurezza e della legalità nella provincia”.