Una storia di solidarietà e integrazione, Fredd potrà riabbracciare i suoi cari in Nigeria grazie a una colletta

 

Talvolta la solidarietà e l’integrazione hanno la forma di un biglietto aereo. Dopo molti anni Fredd, un ragazzo di origine nigeriana, potrà tornare a casa e riabbracciare almeno per un po’ i suoi fratelli. Tutto ciò grazie alla colletta realizzata da Luigi Masiello, titolare della caffetteria a Matera davanti alla quale Fredd ha trascorso gran parte delle sue giornate negli ultimi 5 anni, chiacchierando con i clienti e sempre pronto a dare una mano a chiunque avesse bisogno.

La generosità del titolare e dei clienti della caffetteria e dei titolari della vicina agenzia di viaggio ha permesso di acquistare un biglietto aereo di andata e ritorno per la Nigeria. Fredd non ha voluto farsi inquadrare, ma a telecamere spente ci ha raccontato la sua storia. Orfano di entrambi i genitori ha lasciato la sua terra per poter aiutare i fratelli rimasti in Nigeria. Prima di arrivare in Italia ha trascorso circa otto mesi in Libia. Periodo del quale non ha voluto parlare. Da quando si trova qui ha lavorato nei campi durante la raccolta delle olive, ha fatto lavori da muratore e carpentiere. Non è compassione quella che cerca, ma un lavoro e una stabilità, ha ripetuto più volte. “E’ importante sottolineare che Fredd ha voluto farsi aiutare. La vera integrazione è partita proprio da lui”, ci ha spiegato Rosa Maragno, una delle titolari dell’agenzia di viaggio, che ha preferito parlare a telecamera spenta. Fredd resterà in Nigeria per un mese. Dopo di ché tornerà qui per continuare a cercare lavoro.