Tribunale Potenza, Polese: “Occorre ridare dignità al Palazzo di Giustizia e mettere in sicurezza gli operatori”

 

Il Tribunale di Potenza verserebbe in stato di “fatiscenza”. La denuncia arriva dal  vicepresidente del Consiglio regionale lucano, Mario Polese,  a pochi giorni dall’inaugurazione dell’anno giudiziario di Basilicata. “In queste settimane – ha dichiarato Polese attraverso un comunicato – diversi amici e colleghi mi hanno inoltrato immagini riguardanti lo stato di fatiscenza di alcuni locali del Tribunale, riguardanti in particolare infiltrazioni di acqua, distacchi di intonaco, e ascensori in disuso”.

Polese prosegue: “Molti colleghi denunciano altresì in questi giorni addirittura guasti al servizio elettrico e di riscaldamento, tali da costringere in alcuni casi addirittura le interruzione delle udienze”. E quindi sottolinea il vicepresidente del Consiglio regionale: “Bene hanno fatto in queste ore il presidente dell’Ordine degli avvocati di Potenza, Maurizio Napolitano, e il presidente della Camera penale distrettuale di Potenza, Sergio Lapenna, a denunciare i notevoli disagi che cittadini, lavoratori, magistrati e avvocati sono costretti a subire da ormai diverso tempo, rammentando allo stesso tempo l’encomiabile senso di responsabilità e tolleranza di avvocati, magistrati e del personale amministrativo, che, pur difronte a tale incresciosa situazione, quotidianamente non fanno mancare il proprio apporto e garantiscono il funzionamento della macchina amministrativa.”

A parere di Polese il Palazzo di giustizia del capoluogo, che ospita tra l’altro la Corte di Appello regionale “merita di tornare ad essere necessariamente un luogo sicuro, agibile e accessibile a tutti, lavorati e utenti”. “Occorre sollecitare immediatamente il Ministero – ha concluso l’esponente di Italia Viva – dato che il Palazzo di Giustizia da alcuni anni è passato dalla gestione del Comune a quello del Ministero, pretendendo specifici finanziamenti e sensibilizzando, a tal fine, l’intero Consiglio regionale e il presidente della Giunta regionale Vito Bardi affinché si faccia subito portavoce. L’edilizia giudiziaria rappresenta un’istanza centrale nelle richieste del ministero per il Recovery plan ed è doveroso che il nostro Palazzo di Giustizia abbia la giusta considerazione”.