Bitetto, accoltellato in pieno centro: muore 26enne

Un delitto consumato in pieno centro a Bitetto, paese in provincia di Bari, probabilmente per motivi passionali. Un 26enne bitettese, Nicola Brescia, con precedenti penali per reati contro il patrimonio e contro la persona, è stato ucciso a coltellate nelle scorse ore durante un litigio con l’ex compagno della sua fidanzata. Feriti anche la ragazza, 22enne, e il padre della vittima di 50 anni, entrambi ricoverati rispettivamente all’ospedale Di Venere di Carbonara e al San Paolo. I due non sarebbero in pericolo di vita. L’autore dell’accoltellamento sarebbe un pregiudicato, bloccato poco dopo il fatto ed attualmente in stato di arresto in flagranza con le accuse di omicidio volontario e duplice tentato omicidio. L’uomo ha confessato di aver ucciso il rivale in amore. L’omicidio è avvenuto per strada, davanti all’androne del palazzo dove la vittima abitava con i genitori e dove si fermava a dormire occasionalmente la ragazza. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, l’ex compagno convivente della donna avrebbe raggiunto l’abitazione in piena notte. Il litigio, la cui dinamica gli investigatori stanno ricostruendo, avrebbe un movente passionale. L’assassino non aveva accettato la fine della relazione. Al culmine del litigio il 26enne, con un coltello che i carabinieri stanno ancora cercando, ha ferito mortalmente Brescia con almeno cinque fendenti al petto, addome e schiena e ha accoltellato anche la ex compagna e il padre della vittima colpendoli sul tronco. Quando il 118 è arrivato sul luogo del delitto ha tentato invano di rianimare Brescia ma era già deceduto, mentre i due feriti sono stati portati in ospedale. I carabinieri hanno subito rintracciato il presunto assassino, che nel frattempo era fuggito, bloccandolo mentre tornava a casa.