Cerignola (Fg), assalto fallito sulla A14: la polizia recupera due escavatori rubati

Si indaga ancora sul reale obiettivo del commando

Assalto fallito sulla A14, tra Cerignola e Canosa di Puglia. La polizia ha recuperato due escavatori rubati, ma si indaga ancora sulle reali intenzioni del commando.

Hanno provato ad assalire un mezzo blindato sulla A14 nel tratto tra Cerignola e Canosa di Puglia. Non ci sono riusciti. È ancora da chiarire la dinamica del tentato colpo avvenuto al confine tra le province di Foggia e Bat. Secondo le prime ricostruzioni, un commando ha bloccato entrambe le corsie, in direzione nord e sud, posizionando tre tir in modo trasversale alle carreggiate e incendiandone uno. I malviventi sarebbero riusciti a mettere a segno il colpo, se in quel momento non fosse passato un furgone della polizia diretto a Senigallia. Gli agenti stanno indagando per cercare di risalire al reale obiettivo della banda. In quella zona – secondo quanto accertato dagli investigatori – sarebbero dovuti passare tre furgoni della ditta Ivri, che opera nel settore della sicurezza. I mezzi però per problemi tecnici avrebbero tardato ad arrivare in quel tratto di strada. Non è ancora chiaro cosa trasportassero i tre blindati. Una delle poche cose certe è che il commando, per entrare in autostrada, ha dovuto tagliare parte del guard rail lungo la corsia nord. Proprio lì i poliziotti hanno recuperato due grossi escavatori entrambi rubati, il primo a Fasano, in provincia di Brindisi, lo scorso 6 luglio, il secondo ad Altamura, nel Barese, il 21 dello stesso mese. Gli agenti a bordo del furgone hanno notato un uomo incappucciato e armato di fucile, mentre spargeva sull’asfalto chiodi a quattro punti, oltre ad altri due individui nascosti ai margini della carreggiata. Poco distante, lungo la cosiddetta Via Trinitapoli, la strada provinciale 62, è stata ritrovata una catena che i rapinatori avrebbero dovuto utilizzare per bloccare il traffico.