Carceri: tentata estorsione fra detenuti, 3 arresti

Preso di mira a Brindisi da tre reclusi in Puglia e Basilicata

Avrebbero estorto denaro a un detenuto nel carcere di Brindisi: accusati di tentata estorsione tre carcerati tra la Puglia e la Basilicata

Tre detenuti, di tre carceri differenti, sono stati raggiunti da un’ordinanza cautelare accusati di tentata estorsione. I tre avrebbero tentato di estorcere infatti denaro a un altro detenuto, 500 euro per la precisione, più un fisso di 200 euro al mese. Gli accusati sono Roberto Petruzzelli di Massafra, in provincia di Taranto, attualmente nel carcere di Turi, in provincia di Bari; Giorgio Candita di San Pietro Vernotico, nel brindisino, detenuto a Lecce; Eligio De Felice di Grottaglie, nel tarantino, che si trova invece recluso a Matera. Le indagini sono state condotte dai Carabinieri di Brindisi, coordinati dalla Procura: sono iniziate dopo il sequestro, nel carcere di Brindisi, di un bigliettino in cui erano riportate le richieste. Veniva specificato che in caso di mancato pagamento la vittima avrebbe avuto seri problemi durante la sua permanenza carceraria a Brindisi. Dall’analisi della grafia e da altri elementi gli inquirenti sono riusciti a risalire ai presunti estorsori.