Mesagne, fece accoltellare l’ex marito: arrestate tre persone per tentato omicidio

Dalle indagini è emerso che il cugino della donna sarebbe l’autore materiale dell’aggressione

Sarebbe la mandante di una spedizione punitiva nei confronti dell’ex marito, accoltellato e picchiato lo scorso 20 febbraio a Mesagne. La squadra mobile di Brindisi e gli uomini del commissariato di Mesagne hanno arresto tre persone per tentato omicidio, si tratta dei cugini Serena, 35 anni, Damiano Bello, 37 anni e Antonio De Punzio, 38 anni tutti originari di Mesagne. Il movente sarebbe nel mancato rispetto da parte dell’uomo degli obblighi verso i figli della coppia. La stessa donna per questo motivo aveva denunciato il suo ex qualche mese prima dell’aggressione. L’autore materiale sarebbe stato il cugino, Damiano Bello. Lo scorso 20 febbraio la vittima si presentò in ospedale accompagnato da un amico con numerose e profonde ferite da taglio all’addome e al torace. L’uomo fu operato d’urgenza e finì in prognosi riservata. Agli agenti che lo ascoltarono riferì di essere stato accoltellato per strada e di non conoscere i suoi aggressori. Le indagini, condotte dal commissariato di Mesagne e dalla squadra mobile di Brindisi, non trovarono alcun riscontro con le dichiarazioni dell’uomo. Sul luogo della presunta aggressione non vi era alcuna traccia di sangue. Nei mesi successivi grazie alle intercettazioni e alla geolocalizzazione degli spostamenti dell’auto della vittima in quel famoso 20 febbraio, si è scoperto che il 37enne accoltellato si era recato in campagna, ad un appuntamento, con Bello e De Punzio. Qui era stato dapprima ferocemente accoltellato e poi picchiato. Ora la ex moglie, Serena Bello è ai domiciliari mentre Damiano Bello e Antonio De Punzio in carcere. Tutti e tre sono accusati di tentato omicidio in concorso. Il coltello non è stato mai ritrovato.