Da Foggia al Casertano per vendere falso olio extravergine: denunciato imprenditore

Il trentenne è stato fermato dalla Guardia di Finanza. Stava cercando di vendere circa 200 litri di falso prodotto

 

Da Foggia a Caserta per vendere 200 litri di falso olio extravergine d’oliva. Un imprenditore trentenne di Cerignola è stato denunciato dalla guardia di finanza a Gricignano d’Aversa, nel Casertano, dove era arrivato con il suo carico di lattine e bottiglie in vetro piene di olio contraffatto.

 

I contenitori riportavano tutti la denominazione “extravergine di oliva 100% italiano”, con i dati di un’impresa produttrice inesistente. L’imprenditore è stato fermato dai Baschi Verdi di Aversa, impegnati nella quotidiana attività di controllo economico del territorio; le confezioni di olio con le etichette false erano stipate nel bagagliaio. A seguito del controllo, i finanzieri hanno scoperto che l’oleificio di Bari riportato sui barattoli non era mai esistito e hanno accertato irregolarità anche sulla società distributrice dichiarata nei documenti di trasporto.

 

Si trattava di un’impresa di Cerignola, le cui attività sono cessate da oltre due anni e che risultava gestita da un soggetto di fatto nullatenente. Il trentenne, con precedenti per truffa, è stato così denunciato per il reato di vendita di prodotti industriali con segni mendaci. Ora rischia una multa di 20mila euro oltre alla reclusione fino a 2 anni.