Lecce, lotta al narcotraffico: la Guardia di Finanza sequestra 350kg di droga e arresta 3 persone

Il blitz è scattato nell’ambito di controlli intensificati sul litorale, per intercettare eventuali carichi sospetti provenienti dall’altra sponda dell’Adriatico.

Duro colpo al narcotraffico internazionale. La guardia di finanza di Lecce ha arrestato 3 persone. 

Il Salento come porta d’Oriente per il narcotraffico internazionale. La Guardia di Finanza di Lecce ha arrestato tre persone e ha sequestrato quasi 350 kg di droga, tra 87 sacchi di marijuana e 6 panetti di hashish. Il blitz è scattato nell’ambito di controlli intensificati sul litorale, per intercettare eventuali carichi sospetti provenienti dall’altra sponda dell’Adriatico. E così le fiamme gialle hanno individuato un’imbarcazione che, a Torre Chianca, nel Leccese, si faceva largo tra i bagnanti. La barca, apparentemente attrezzata con reti e canne da pesca, era pronta per essere caricata su un fuoristrada per poi essere trasportata altrove. Ma i finanzieri, insospettiti dalla forma dello scafo, hanno pensato che potesse essere dotato di un doppiofondo. L’area è stata subito circoscritta e i finanzieri del GICO, il Gruppo d’Investigazione sulla Criminalità Organizzata, si sono mimetizzati tra la macchia mediterranea, prima che un grosso fuoristrada con a bordo due complici iniziasse una fuga ad alta velocità tra le campagne, speronando una delle auto di servizio. Dopo un breve inseguimento, i due malviventi hanno abbandonato il fuoristrada per darsi alla fuga a piedi. Uno di loro è stato subito fermato da un militare. L’altro, dopo alcune ore di ricerca, è stato rintracciato e fermato dai finanzieri, mentre tentava di nascondersi tra le acque paludose della campagne leccesi. Nel frattempo, un altro complice è stato sorpreso in una villetta adibita dai presunti spacciatori a base d’appoggio. Anche lui è stato inseguito e bloccato. Oltre allo stupefacente, le fiamme gialle hanno sequestrato anche l’imbarcazione usata per trasportarlo: uno scafo di 5 metri e mezzo con doppiofondo. La vendita al dettaglio della droga avrebbe fruttato ben oltre 3 milioni di euro.