Gdf: operazione “Dirty hands”. Sequestro di gel non igienizzante

Sono stati denunciati due imprenditori di Trani accusati di frode in commercio

Conclusa una nuova operazione da parte della Guardia di Finanza contro i furbetti che vendevano gel e materiale di protezione individuale non a norma. L’ultima operazione conclusa dalle fiamme gialle di bari, ha portato alla denuncia di due imprenditori di Trani e il sequestro di 1800 confezioni gel “non igienizzante”, pronto per l’immissione in commercio, oltre a prodotto sfuso da confezionare e materie prime per un quantitativo superiore a 600 litri. Il gel è stato analizzato anche grazie al personale del Dipartimento di Farmacia – Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari: dopo le analisi è emerso che il gel igienizzante mani presentava una concentrazione di principio attivo molto bassa, non certamente utile allo scopo igienizzante né paragonabile all’effetto determinato dalle soluzioni alcooliche a concentrazione superiore al 70%, raccomandante dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Dopo aver ricostruito la filiera distributiva del prodotto su tutto il territorio nazionale, le Fiamme Gialle hanno poi proceduto all’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo d’urgenza emesso dal Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Trani, con l’obiettivo di ritirare dal mercato centinaia di litri del citato prodotto che, oltre a non garantire l’efficacia igienizzante che ne finalizza l’acquisto, rappresenta un potenziale pericolo per la salute e la sicurezza dei consumatori. I titolari delle attività commerciali sono stati denunciati.