Mascherine irregolari importate dalla Cina distribuite anche in Basilicata

Avevano importato dalla Cina mascherine Ffp2 non conformi alla normativa, distribuendole in Sardegna, Lombardia, Lazio, Piemonte e Basilicata.

Gli agenti del Compartimento della Polizia postale della Sardegna hanno portato a termine un’importante operazione, denominata ‘Mask’, relativa all’importazione di mascherine irregolari in Italia.

Denunciati per frode nell’esercizio del commercio e falsità materiale commessa dal privato in certificati il titolare di una ditta di Brescia che ha importato le mascherine, e i titolari dei due distributori, uno sempre a Brescia e uno a Salerno. Sequestrate complessivamente quattromila mascherine Ffp2 irregolari.

Le indagini, coordinate dal commissario Danilo Tolino, sotto la supervisione del dirigente del Compartimento Francesco Greco, sono partite a seguito della segnalazione di un farmacista di Cagliari che aveva ricevuto una partita di 1.800 mascherine Ffp2 acquistate attraverso un agente di commercio titolare della società di Salerno.