Bari, Torre Quetta: decisione sulla gestione rimandata a settembre

Il Consiglio di Stato rimanda la decisione a settembre sulla gestione della spiaggia pubblica barese Torre Quetta

La decisione è solo rimandata. Questa volta dal Consiglio di Stato che si è pronunciato sulla vicenda Torre Quetta, la spiaggia pubblica di Bari, e della sua gestione. I giudici ritenendo opportuno rinviare ad un esame non sommario la decisione, hanno ritenuto che al momento la spiaggia resti nella gestione dei vecchi concessionari. Di conseguenza gli stessi, fino alla decisione di merito, dovranno continuare ad assolvere a tutte le procedure come richieste da bando e oggetto del contratto siglato nel 2018. Il Comune procederà, anche in questo periodo, al controllo e alla verifica di tutti gli adempimenti e le attività previste dalla concessione in essere a carico dei soggetti che temporaneamente continueranno a gestirla. La decisione esercitata dal Consiglio di Stato, secondo l’assessore del Comune di Bari, Carla Palone, è legata anche all’attuale situazione di emergenza sanitaria in corso e alla stagione estiva alle porte. Una decisione rispettata dal comune di Bari che rassicura ai baresi, che non dovranno rinunciare all’estate 2020. I concessionari attuali, anche se precari, dovranno continuare a gestire il sito, secondo tutte le specifiche oggetto della concessione, sapendo che Torre Quetta per la città di Bari non è solo una spiaggia pubblica ma un patrimonio che deve essere tutelato e valorizzato. I gestori, secondo anche le ordinanze in vigore, dovranno avviare le attività di manutenzione del sito per far si che i cittadini possano frequentare Torre Quetta in maniera sicura e senza pericoli.