Nel barese, un operatore socio sanitario complice di una rapina a un anziano: arrestato

Con lui altri due uomini che che si sono introdotti nell’appartamento dell’anziano

Aveva lavorato come operatore socio sanitario (Oss) per un 83enne di Bitetto (Bari) affetto da demenza senile. E’ stato arrestato e messo ai domiciliari con l’accusa di rapina in concorso con l’aggravante di avere adoperato violenza. L’operatore, un 30enne di Bari, ha partecipato come complice a una rapina a casa dell’anziano che è stato picchiato e derubato di una collana in oro. La rapina è avvenuta il 16 dicembre 2019. L’uomo è stato riconosciuto dai vicini di casa dell’anziano mentre era nell’auto dalla quale sono scesi i due uomini che si sono introdotti nell’appartamento dell’anziano. I due malviventi si sono presentati come amici del nipote dell’83enne. Appena entrati lo hanno prima distratto, chiedendo di andare in bagno, poi lo hanno colpito con un pugno al costato impossessandosi della collana in oro che aveva al collo. Grazie alla testimonianza di alcuni vicini di casa che quella mattina avevano notato la presenza sospetta di un’auto in zona con tre persone a bordo, tra cui l’operatore sanitario che aveva lavorato a casa dell’anziano, è stato possibile arrestare il 30enne. Sono ancora in corso le indagini per l’identificazione dei due complici.