Modugno (BA), in manette due fidanzati rapinatori

Bonnie e Clyde in salsa modugnese, ma finiti in manette.

I Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno arrestato due fidanzati, un 38enne, pregiudicato e la compagna 21enne, accusati di una rapina a mano armata commessa lo scorso 8 gennaio ai danni di una tabaccheria del centro di Modugno. Secondo le indagini dei Carabinieri un uomo con il volto parzialmente travisato da un cappuccio della felpa e da una sciarpa sarebbe entrato nella tabaccheria gestita da una 74enne e, sotto la minaccia di una pistola si sarebbe impossessato dell’incasso pari a circa 500 euro.

 

I militari accorsi sul posto constatarono che il rapinatore era fuggito a piedi tra i vicoli del centro storico.  Attraverso le analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza della zona i Carabinieri rilevarono che ad agire erano stati in due e precisamente una coppia. Infatti, pochi minuti prima della rapina, l’uomo e la donna erano passati a piedi davanti alla tabaccheria per accertarsi dell’assenza di clienti, quindi la donna era entrata per acquistare un pacco di cartine. All’uscita dalla tabaccheria, la donna avrebbe dato l’ok all’uomo che, travisato ed armato di pistola nel giro di pochi secondi avrebbe costretto l’anziana a consegnare l’incasso, raggiungendo poi la compagna con cui sarebbe fuggito a piedi.

 

Grazie alle immagini i Carabinieri hanno identificato il 38enne, noto per numerosi pregiudizi penali e, successivamente la complice ovvero la sua fidanzata, convivente. La certezza dell’identità dei due rapinatori è stata raggiunta grazie anche alla conoscenza diretta dei militari e dal confronto dei tatuaggi presenti su entrambe le mani dell’uomo e ripresi dai circuiti di videosorveglianza. L’uomo è stato condotto in carcere a Bari, mentre la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari.